Spotify ha comprato la società di produzione di podcast Gimlet Media

Spotify, la società che controlla l’omonimo popolare servizio di musica in streaming, ha comprato Gimlet Media, una società che produce alcuni dei più popolari podcast statunitensi. Spotify ha annunciato anche l’acquisizione di Anchor, una società che realizza software e strumenti per produrre e distribuire i podcast. I termini della transazione non sono noti ma Spotify aveva pianificato di investire 500 milioni di dollari in acquisizioni durante il 2019.

Leggi anche: I podcast del Post

I podcast – trasmissioni audio disponibili on demand – hanno un grande pubblico negli Stati Uniti, complice la crescita dell’uso dei cellulari, e sono quindi considerati molto interessanti dal punto di vista pubblicitario. Acquisendo Gimlet Media, secondo gli analisti Spotify vuole diversificare la sua offerta e tentare di tenere più tempo gli utenti sulla sua piattaforma (da tempo su Spotify è possibile ascoltare anche podcast). Spotify ha 96 milioni di abbonati – più del doppio di quelli di Apple Music, il servizio rivale di Apple – e oltre 207 milioni di utenti complessivi (ne esiste anche una versione gratuita). Non è ancora in utile, ma sta andando molto meglio: lo scorso anno ha perso 78 milioni di euro, contro gli 1,2 miliardi persi nel 2017.

(Jason Davis/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.