Umberto Bossi e suo figlio Renzo hanno evitato la condanna nel processo sui fondi della Lega grazie a un accordo con Matteo Salvini

La Corte d’appello di Milano ha stabilito il “non luogo a procedere” nei confronti di Umberto Bossi e di suo figlio Renzo al termine del processo sui fondi pubblici della Lega utilizzati irregolarmente. Bossi e suo figlio erano stati condannati in primo grado insieme all’ex tesoriere del partito Francesco Belsito. La Corte d’appello, però, ha confermato la condanna solo di Belsito.

Il “non luogo a procedere” è stato deciso per via di una legge approvata tra il primo e il secondo grado del processo che ha reso perseguibili per una serie di reati soltanto coloro che vengono denunciati dalle vittime. In questo caso la vittima dell’appropriazione indebita contestata agli imputati, cioè il partito Lega Nord, ha deciso di sporgere querela soltanto nei confronti di Belsito.

La decisione è stata presa anche per via un accordo sottoscritto nel 2014 dal nuovo segretario della Lega Matteo Salvini con il fondatore Umberto Bossi. Nell’accordo, un contratto tra privati di cui è entrato in possesso il Fatto Quotidiano, si stabiliva che la Lega non avrebbe interferito con il processo allora nelle sue fasi iniziali e avrebbe fornito uno stipendio annuale ad Umberto Bossi. In cambio, l’avvocato di Bossi Matteo Brigandì avrebbe rinunciato ad esigere un conto di svariati milioni di euro che il partito gli avrebbe dovuto per una serie di consulenze. Successivamente l’accordo saltò anche a causa degli scontri interni alla Lega tra Bossi e Salvini, ma il partito non è mai tornato indietro sulla sua decisione di non querelare il suo fondatore.

(AP Photo/Alberto Pellaschiar)