Tra giovedì e venerdì il Parlamento greco voterà l’accordo per il cambio di nome della Macedonia

Nella notte tra giovedì e venerdì il Parlamento greco voterà l’accordo raggiunto lo scorso giugno tra primo ministro greco Alexis Tsipras e il primo ministro macedone Zoran Zaev per cambiare il nome della Macedonia in “Repubblica della Macedonia settentrionale”. L’accordo era già stato approvato dal Parlamento macedone e ora deve essere ratificato anche dal parlamento greco. Se approvato, metterà fine a una disputa sull’eredità culturale dell’antico popolo macedone tra la Macedonia e la Grecia che va avanti dagli anni Novanta, e che finora ha impedito alla Macedonia di entrare nella NATO e nell’Unione Europea proprio per via dell’opposizione della Grecia. Secondo Europe Elects 154 deputati greci su 300 voteranno a favore dell’accordo.

Domenica scorsa ad Atene decine di migliaia di persone – tra le 60 e le 100 mila – hanno manifestato contro l’accordo e durante le manifestazioni ci sono stati scontri molto violenti con la polizia causati, secondo il governo, da alcuni esponenti del partito neonazista Alba Dorata.

 

(SAKIS MITROLIDIS/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.