Google ha ricevuto una multa da 50 milioni di euro in Francia per una violazione del GDPR

La Commission nationale de l’informatique et des libertés (CNIL), l’autorità che si occupa di tutela della privacy in Francia, ha emesso una multa da 50 milioni di euro nei confronti di Google, accusando la società di non rispettare il nuovo regolamento europeo sui dati personali (GDPR). La multa riguarda il sistema operativo Android, sviluppato da Google, e le opzioni che questo offre quando viene attivato su un nuovo smartphone. Secondo la CNIL, Google non ha reso sufficientemente chiari i dettagli su quali dati degli utenti siano utilizzati per gli annunci pubblicitari personalizzati, così come non ha disposto chiaramente un’opzione per utilizzare gli smartphone Android senza dover necessariamente impostare un account Google. Per la società è la prima multa consistente legata al GDPR, entrato pienamente in vigore lo scorso anno. Google ha confermato di prendere sul serio la privacy degli utenti e di voler studiare la multa prima di assumere nuove decisioni.

(AP Photo/Ng Han Guan)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.