Duisburg, Germania, 21 gennaio 2019 (Marcel Kusch/picture-alliance/dpa/AP Images)
  • Mondo
  • lunedì 21 gennaio 2019

Le foto dell’eclissi di Luna

Combinava i fenomeni cosiddetti della "Luna rossa" e della "superluna": se non l'avete vista potete recuperare con queste immagini da tutto il mondo

Duisburg, Germania, 21 gennaio 2019 (Marcel Kusch/picture-alliance/dpa/AP Images)

C’è stata un’eclissi totale di Luna nella notte tra domenica 20 gennaio e lunedì 21: in Italia è iniziata alle 3:30 e ha raggiunto il massimo intorno alle 6 di mattina. Le eclissi di Luna non sono un fenomeno molto raro, ma negli ultimi anni quelle visibili dall’Italia non sono state molte. Se non ce l’avete fatta ad alzarvi prima dell’alba per ammirarla, abbiamo raccolto per voi un po’ di foto scattate in tutto il mondo: alcune sono sobrie e mostrano semplicemente la superficie lunare insolitamente rossa; altre sono più inventive, con la Luna che spunta tra le braccia di statua antiche e sembra appuntarsi sull’antenna dei grattacieli delle città.

Nelle eclissi lunari, la Luna viene nascosta dalla Terra quando questa si viene a trovare tra la Luna e il Sole. Quando la Luna passa interamente attraverso il cono d’ombra creato dalla Terra si ha un’eclissi totale; se invece la Luna ne intercetta solo un pezzo, allora l’eclissi è parziale. Durante l’eclissi la Luna non scompare completamente ma appare di un intenso rosso scuro perché è comunque illuminata dai raggi solari rifratti dall’atmosfera terrestre: è un fenomeno descritto come “Luna rossa”. A questo si aggiunge quello della “superluna”, che si verifica quando il momento in cui la Luna si trova più vicina alla Terra nella sua orbita ellittica coincide con la Luna piena, come in questo caso: per questo appare un po’ più grande del solito. Negli Stati Uniti, per la combinazione di luna rossa e superluna, questa eclissi è stata soprannominata “The Super Blood Wolf Moon Eclipse”, dove blood significa sangue e wolf è un riferimento ai lupi mannari e alla Luna piena.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.