• Mondo
  • mercoledì 16 gennaio 2019

La Turchia sta cercando l’estradizione di Enes Kanter, cestista turco della NBA, per il suo appoggio a Fethullah Gülen

Secondo l’agenzia di news turca Anadolu, la Turchia starebbe cercando di ottenere l’estradizione di Enes Kanter, giocatore turco della squadra di basket NBA dei New York Knicks, che vive negli Stati Uniti da diversi anni. Kanter, che da tempo è un duro critico del presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, era stato condannato lo scorso anno con l’accusa di far parte di un «gruppo terroristico armato», cioè dell’organizzazione del predicatore turco Fethullah Gülen, che dal 1999 vive in esilio autoimposto in Pennsylvania, negli Stati Uniti: secondo Erdoğan, Gülen sarebbe dietro al tentato colpo di stato che nell’estate del 2016 cercò di rovesciare il governo turco.

L’agenzia Anadolu ha detto che la Turchia ha emesso una “red notice” contro Kanter, cioè una richiesta dell’Interpol di localizzare, arrestare ed estradare un criminale o sospetto tale. Nella richiesta sarebbero citati anche alcuni commenti fatti da Kanter sui social media a favore di Gülen. La Turchia aveva già ritirato il passaporto turco di Kanter: all’inizio di gennaio Kanter aveva deciso di non andare a Londra a giocare una partita con i New York Knicks per il timore di essere assassinato a causa delle sue posizioni su Erdoğan.

Enes Kanter(Elsa/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.