• Sport
  • lunedì 7 gennaio 2019

Il giocatore turco di NBA Enes Kanter non andrà a giocare a Londra per paura di ritorsioni da parte della Turchia

Enes Kanter, giocatore turco della squadra di NBA dei New York Knicks, ha detto che non volerà con la sua squadra in Inghilterra per giocare a Londra contro i Washington Wizards una delle annuali partite che la NBA organizza in Europa. Kanter ha motivato la sua assenza dicendo di temere ritorsioni da parte della Turchia, dove per lui sono stati chiesti quattro anni di reclusione nell’ambito del processo per gli insulti che rivolse pubblicamente al presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Dopo l’ultima partita giocata dai Knicks, Kanter ha spiegato: «È piuttosto triste il modo in cui queste storie stiano influenzando la mia carriera. Vorrei essere là fuori e aiutare la mia squadra a vincere. Ma solo per colpa di un folle, maniaco e dittatore non posso nemmeno andare a fare il mio lavoro. Lì a Londra hanno un sacco di spie, potrebbe accadermi qualcosa in qualsiasi momento». Un funzionario dell’ambasciata turca a Londra ha descritto le ragioni di Kanter come infondate. I Knicks, invece, hanno ufficializzato l’assenza di Kanter a Londra, ma per problemi con il passaporto.

(Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.