Il TAR del Lazio ha ordinato una campagna informativa sui presunti rischi per la salute di chi usa i cellulari

Il Tribunale amministrativo regionale (TAR) del Lazio ha stabilito con una sentenza che i ministeri dell’Ambiente, della Salute e dell’Istruzione dovranno organizzare, entro sei messi, una campagna informativa sui modi corretti di utilizzo dei telefoni cellulari e dei cordless. La campagna dovrà inoltre informare sui presunti rischi per la salute e l’ambiente nel caso in cui smartphone e altri dispositivi cellulari siano utilizzati in modo improprio. La sentenza è stata prodotta in seguito all’accoglimento parziale di un ricorso proposto dall’Associazione per la prevenzione e la lotta all’elettrosmog. Il TAR ha contestato ai ministeri di non avere mai avviato una campagna informativa sul tema, nonostante se ne fossero occupati in più circostanze. A oggi, comunque, non ci sono prove scientifiche che dimostrino un nesso causale tra utilizzo dei cellulari e tumori. Le ricerche sono ancora in corso da parte delle massime organizzazioni sanitarie, compresa l’OMS, e dedicate soprattutto a valutare un eventuale aumento del rischio per un uso eccessivo e continuativo dei cellulari.

Pyongyang, Corea del Nord (ED JONES/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.