(Lauri Skrivan/St. Louis Post-Dispatch/TNS / ANSA)
  • cit
  • martedì 15 gennaio 2019

La ricetta di “pasta faggioli” del sindaco La Guardia

(Lauri Skrivan/St. Louis Post-Dispatch/TNS / ANSA)

Vi piace la pasta e fagioli? La evitate come un piatto pesante e poco raffinato, la mangiate pensando alla nonna o nelle nuove trattorie fighette, che hanno recuperato le vecchie ricette del passato? E poi, usate i borlotti o i cannellini, la salsa al pomodoro la mettete oppure no? Tutte queste domande avevano già ottenuto risposta più di 70 anni fa, durante uno dei consueti interventi radiofonici settimanali del sindaco italoamericano di New York Fiorello La Guardia.

Il New York Times raccontava infatti, sul numero uscito il 15 gennaio 1945, che La Guardia si trovava a casa e che sua moglie stava cucinando una sua versione di “pasta faggioli”, molto apprezzata anche dal cantante e attore Jimmy Durante, che la chiamava “pastafazule”. Il sindaco polemizzava con gli italiani arricchiti di New York che alla domanda «”Sapete cos’è pasta faggioli?” Risponderanno “Oh no, non ne abbiamo mai sentito parlare, non l’abbiamo mai mangiata a casa nostra”. È una sciocchezza. Tutti i poveri mangiano pasta faggioli, e di questi giorni è quasi un lusso ed è molto nutriente». Specificava anche che «ovviamente per me è un po’ pesante, quando mangio pasta faggioli devo stare un po’ attento a cosa mangio. Per il resto della settimana devo stare a dieta ferrea».

Questa è la ricetta di Marie La Guardia, come riportata dal marito:

«Allora, Marie usa più o meno 50 grammi di pancetta con cipolle a fette e poi ci fa cuocere i fagioli, quei bei fagioli marroni. Quando il sugo è quasi cotto ci mettete dentro un bel po’ di scarola, e quando è proprio cotto ci buttate i ditalini di pasta, o anche i maccheroni o gli spaghetti spezzati, e li lasciate cuocere quanto volete. Ma non cuoceteli troppo o diventeranno mollicci e collosi e non saranno buoni. Questo è un piatto perfetto e ben bilanciato. Ci sono proteine, vitamine, carboidrati e tutto quello che vi serve».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.