• Mondo
  • lunedì 14 gennaio 2019

Il governo spagnolo sta impedendo alla nave Open Arms di lasciare il porto di Barcellona per soccorrere i migranti

La direzione generale della Marina mercantile spagnola, dipendente dal ministero dei Trasporti e delle infrastrutture, ha impedito alla nave della ong Open Arms di lasciare il porto di Barcellona per andare a soccorrere i migranti in acque internazionali di fronte alla Libia. La Marina mercantile ha fatto sapere che la decisione non è legata a problemi tecnici della nave o a carte non in regola, ma al mancato rispetto del diritto internazionale da parte di Italia e Malta, che da mesi stanno negando in maniera sistematica l’accesso ai loro porti alle navi delle ong che soccorrono i migranti. Secondo le autorità spagnole, le politiche italiane e maltesi costringerebbero Open Arms a non attraccare nel primo porto sicuro – come prevede invece il diritto internazionale – e quindi a coprire distanze enormi e con a bordo molte più persone di quelle per cui sarebbe equipaggiata la nave.

La Marina mercantile spagnola ha aggiunto che Open Arms potrà riprendere le sue operazioni di soccorso al largo della Libia solo quando le autorità che gestiscono le SAR dei paesi coinvolti (Italia, Malta e Libia) troveranno un accordo per portare i migranti nei porti sicuri più vicini.

(LLUIS GENE/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.