• Mondo
  • venerdì 11 gennaio 2019

Gli Stati Uniti hanno iniziato a ritirare i loro soldati dalla Siria, dice l’esercito americano

Un portavoce dell’esercito statunitense ha annunciato che gli Stati Uniti hanno iniziato a ritirare i loro soldati dalla Siria, come anticipato dal presidente americano Donald Trump lo scorso 19 dicembre. L’annuncio è stato inaspettato, visto che domenica scorsa il consigliere alla sicurezza nazionale di Trump, John Bolton, aveva rimandato il ritiro dei soldati a data da definirsi e aveva parlato della possibilità che l’operazione riguardasse solo una parte dei militari, cioè quelli impiegati nel nord-est del paese. Su una linea simile sembrava essere anche il segretario di Stato americano Mike Pompeo, che giovedì ha fatto un importante discorso al Cairo, in Egitto, nel quale ha parlato della necessità di espellere «fino all’ultimo iraniano» presente in Siria, suggerendo quindi una maggiore – e non minore – presenza militare americana nel paese.

I diversi annunci delle ultime settimane fatti dal governo statunitense sulla Siria, spesso contraddittori, sembrano indicare profonde divisioni all’interno dell’amministrazione Trump, le quali hanno impedito finora al governo di avviare una strategia precisa in Siria e in tutto il Medio Oriente.

Soldati statunitensi in Siria (U.S. Army photo by Spc. Zoe Garbarino)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.