• Mondo
  • venerdì 11 gennaio 2019

Michael Cohen, ex avvocato di Donald Trump, testimonierà davanti al Congresso

Michael Cohen, ex avvocato e stretto collaboratore del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, testimonierà davanti al Congresso il 7 febbraio. Sarà interrogato a proposito dei rapporti tra il comitato elettorale di Trump e la Russia, argomento al centro dell’indagine che sta conducendo il procuratore speciale Robert Mueller. Cohen parlerà anche del suo ruolo nello scandalo delle somme di denaro corrisposte a due donne perché non rivelassero le relazioni sessuali avute con Trump, cosa per cui Cohen è stato condannato a tre anni di carcere per uso illecito dei fondi elettorali. In particolare Cohen parlerà davanti al Comitato investigativo della Camera, l’House oversight and reform committee, presieduto da Elijah Cummings e su richiesta dei Democratici, che ora controllano la maggioranza della Camera.

Cohen, che si è dichiarato colpevole di tutti i capi di accusa e sta collaborando da mesi con le autorità nelle indagini che coinvolgono la Russia, ha detto: «non vedo l’ora di avere il privilegio di questo palco per offrire un racconto completo e credibile di quel che è accaduto». Trump, che in passato aveva accusato Cohen di essere un “ratto” e “un bugiardo”, ha risposto di non essere preoccupato.

Michael Cohen (AP Photo/Kevin Hagen)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.