• Mondo
  • mercoledì 12 dicembre 2018

Michael Cohen, ex avvocato di Donald Trump, è stato condannato a 3 anni di carcere

Michael Cohen, ex avvocato del presidente degli Stati Uniti Donald Trump e suo fidato collaboratore, è stato condannato a 3 anni di prigione per il suo ruolo nello scandalo delle somme di denaro corrisposte a due donne perché non rivelassero di aver avuto delle relazioni sessuali con l’attuale presidente. La condanna di Cohen, che da mesi collabora con le autorità e che si era dichiarato colpevole dei reati che gli erano contestati, è un guaio giudiziario significativo per Trump, e – seppur non direttamente collegata – arriva nell’ambito dell’inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller sulla Russia.

Formalmente, Cohen è stato condannato per uso illecito dei fondi elettorali: l’accusa, in pratica, era di aver usato fondi elettorali per pagare le due donne – la modella Karen McDougal e l’attrice di film per adulti Stormy Daniels – allo scopo di farle tacere sulle relazioni extraconiugali di Trump con loro. Ma Cohen, a suo tempo, aveva detto agli investigatori che era stato Trump a ordinargli i pagamenti. Trump aveva inizialmente negato di sapere qualcosa al riguardo, poi aveva ammesso di esserne a conoscenza, ma aveva definito i pagamenti «semplici transazioni private», negando che fossero una violazione delle leggi sulle campagne elettorali.

(Drew Angerer/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.