FCA ha concordato il pagamento di 800 milioni di dollari negli Stati Uniti per chiudere il caso delle emissioni dei motori diesel

Fiat Chrysler Automobilies (FCA) pagherà circa 800 milioni di dollari per il caso sulle emissioni falsate dei suoi motori diesel negli Stati Uniti, emerso nel gennaio del 2017. La società ha concordato la cifra con il governo statunitense. Per quanto consistente, la cifra è ampiamente inferiore alla multa massima di oltre 4,6 miliardi di dollari di cui si era parlato un paio di anni fa. FCA dovrà versare circa 400 milioni di dollari al governo e alla California, mentre quasi 300 milioni di dollari saranno suddivisi tra i proprietari delle automobili coinvolte. Saranno poi necessari altri milioni di dollari per l’archiviazione del caso in altri stati. FCA ha sempre negato di avere manomesso i dati sulle emissioni dei suoi motori diesel e sostenuto di avere agito in buona fede.

(AP Photo/Carlos Osorio, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.