• Mondo
  • giovedì 10 gennaio 2019

In Andalusia il centrodestra ha trovato un accordo, governerà la regione per la prima volta in 36 anni

I partiti di destra e centrodestra dell’Andalusia, la regione più meridionale e popolosa della Spagna, hanno trovato un accordo di governo dopo settimane di negoziazioni. Per la prima volta in 36 anni, quindi, l’Andalusia sarà governata da una forza politica diversa dal Partito socialista (PSOE), il principale partito spagnolo di sinistra, che alle elezioni locali di inizio dicembre aveva subito una pesante sconfitta. Il nuovo governo sarà guidato da una coalizione formata dal Partito popolare (PP) e da Ciudadanos e il presidente della regione sarà Juanma Moreno, del PP.

Il partito di estrema destra Vox, che a dicembre per la prima volta nella sua storia aveva ottenuto rappresentanza in un Parlamento spagnolo, garantirà il suo appoggio esterno al governo, grazie a un accordo che prevede che il PP incorpori nelle sue politiche alcuni punti del  programma di Vox. Vox viene considerato un partito nazionalista, anti-immigrazione e anti-femminista.

Juanma Moreno (PP), che diventerà il nuovo presidente dell'Andalusia (JORGE GUERRERO/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.