Di Maio ha smentito ripensamenti sulla regola dei due mandati

«Non è mai stata messa in discussione e non si tocca» ha detto, smentendo quello che avevano scritto alcuni giornali

(FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Luigi Di Maio ha smentito lunedì pomeriggio che il Movimento 5 Stelle avesse intenzione di abolire la cosiddetta regola dei due mandati: quella che impone agli eletti del partito di non ricandidarsi al termine del secondo mandato di una carica elettiva. La regola è una delle prime che si diede il Movimento 5 Stelle per mostrarsi diverso dagli altri partiti politici, dei cui eletti criticava la spesso lunghissima presenza in parlamento. La notizia che il Movimento 5 Stelle stesse pensando di cambiare la regola era circolata molto sui giornali, per una questione legata alla giunta regionale del Lazio. Di Maio, però, ha smentito che le cose stiano così, scrivendo su Twitter che «La regola dei due mandati non è mai stata messa in discussione e non si tocca».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.