• Scienza
  • domenica 30 dicembre 2018

Best of bestie 2018

Le più belle immagini degli altri abitanti del luogo, tra quelle che il Post pubblica ogni settimana

Un volpe tra le tombe del cimitero di Bath, in Inghilterra (Matt Cardy/Getty Images)

È una vecchia tradizione del Post. Benché alla qualità delle foto ci teniamo molto, come si sa, e non vogliamo far perdere tempo a nessuno con gallery insulse e che non mantengono ciò che promettono, per altre raccolte fotografiche non abbiamo inventato niente: le foto del giorno, le foto di sport, i reportage fotografici, i progetti artistici.

Invece le foto di animali (“le bestie”, come le chiamiamo affettuosamente qui da noi) sono un’idea che avemmo subito, più di otto anni fa, per ricostruire l’ammirazione spettacolare per le immagini della natura che un tempo fu degli album di figurine, e poi dei documentari naturalistici, e ora è un po’ meno frequente: anche se le vite e il mondo hanno reso più facile andare a vederli davvero, gli animali.

E sì, questa era l’introduzione alla raccolta delle foto di animali più belle dell’anno scorso, fin qui, e ce la siamo rivenduta: siete diventati di più, noi a condividere questa cosa ci teniamo, e volevamo raccontarla. Ora godetevele, con una solita avvertenza: prendetevi qualche secondo in più dello sfoglio, stateci sopra il tempo di osservare, notare, meravigliarvi. Godetevele. E buon anno, bestie.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.