Guido Bertolaso ha scritto una lettera a Luigi Di Maio chiedendogli di non indossare più la maglia della Protezione Civile

Guido Bertolaso, ex capo della Protezione Civile, ha scritto una lettera a Luigi Di Maio sul Corriere della Sera criticandolo per essere andato a Catania, colpita nella notte tra il 26 e il 27 dicembre da un forte terremoto, indossando una maglia con il logo della Protezione Civile. Nella lettera Bertolaso fa anche riferimento a Matteo Salvini, che indossa spesso le divise delle forze dell’ordine e negli scorsi giorni aveva pubblicato una foto in cui indossava una maglia della Polizia.

A prescindere dal fatto che spero si stiano anche pre-occupando dei possibili scenari futuri del complesso sistema geologico del Mezzogiorno d’Italia, da inventore di quel logo chiedo al signor Di Maio di togliersi subito quella maglia, per favore!! Capisco che deve cercare di scimmiottare il suo collega che con la maglia della polizia si fa fotografare con avanzi di galera, ma quello almeno è coerente ed ha inoltre la delega per quel settore. Lei, con i suoi colleghi e opinionisti, signor Di Maio, non ha mai esitato nel gettare fango su quell’istituzione della quale oggi si ammanta, ci ha insultati a L’Aquila, dove solo oggi si rende giustizia al nostro operato anche, ahimè, facendo paragoni dolorosi con le recenti tragedie.

Bertolaso è stato a capo della Protezione Civile per due volte, dal 1996 al 1997 e dal 2001 al 2010. Durante il suo secondo mandato è stato anche Commissario straordinario per l’emergenza terremoto in Abruzzo. Dal 2008 al 201o è stato sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri durante il governo di Silvio Berlusconi. Nel 2016 fu indicato inizialmente come candidato del centrodestra per la carica di sindaco di Roma, ma rinunciò alla candidatura dopo che Forza Italia decise di appoggiare Alfio Marchini.

(ANSA/ORIETTA SCARDINO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.