• mercoledì 26 dicembre 2018

15 cose che vi potete comprare con quel buono di Amazon

Quello che vi hanno regalato a Natale perché siete di quelli che «hanno già tutto»

È meglio non farsi prendere dall’irruenza quando si riceve un buono da spendere online per Natale: presi dall’entusiasmo si rischia di dimenticare quella cosa che a settembre avevamo detto di desiderare tanto, ma non era stata messa in wishlist; o, peggio, di comprare qualcosa senza ragionare troppo su quanto la si userà. Il problema più grande comunque è quello di chi «ha già tutto» e non ha idee su come usarlo, il buono, e potrebbe finire per dimenticarselo in un cassetto.

Per questo abbiamo messo insieme un’ultima lista di idee per regali di Natale, quelli che potete farvi da soli con un buono di Amazon. Ci sono cose prese dalle liste dei desideri dei redattori del Post e altre che potevano andare bene per un regalo e non vi avevamo ancora sottoposto.

Un contenitore per spazzolini, creme, cosmetici e tutto quello che si usa in bagno, da viaggio, molto pratico. Di North Face. (26 euro)

Un tostapane di Smeg, di quelli di colori pastello, ma anche rossi. (150 euro, il 2×2)

Un’idea della lista dell’anno scorso, ma quest’anno in italiano: un diario in cui scrivere un’unica frase al giorno per cinque anni. Ogni pagina è dedicata a un giorno ed è divisa in cinque sezioni, ognuna per un anno diverso. (12 euro e 75)

Un dispositivo Echo (cioè uno di quei cosi che dentro hanno Alexa, l’assistente per la casa di Amazon) se la persona a cui l’avevate chiesto per Natale non ha fatto in tempo a comprarlo prima che finissero. (60 euro, il Dot)

Lenzuola di flanella (un tipo di cotone trattato in modo da isolare bene, per chi se lo fosse sempre chiesto), perché sono rassicuranti. (33-37 euro)

Un caricatore wireless per smartphone. Il migliore secondo Wirecutter, l’affidabile sito di recensioni di oggetti del New York Times, è questo, di Samsung, che funziona anche con gli iPhone dall’8 in su. (20 euro e 50)

Una pentola elettrica per cotture lente, ad esempio per fare uno spezzatino. Questa ha ottime recensioni. (51 euro)

Una lampada da tavolo di Flos, quella a forma di lampadina oppure la Mayday, che si può appendere o appoggiare. O ancora l’Eclisse di Artemide. (85-100 euro)

Una scorta di pellicole per macchine fotografiche analogiche, se siete di quelli che le usano. In generale, scorte di cose che vi sono utili e usate spesso.

Un libro dell’artista francese Sophie Calle, o di un altro artista che vi piace e i cui libri costano molto. Take Care of Yourself, desiderato da una redattrice del Post, è dedicato all’opera che Calle presentò alla Biennale di Venezia del 2007: fotografie, testi, video e installazioni di 107 donne invitate a leggere una lettera di addio che Sophie Calle ricevette da un uomo con cui aveva avuto una relazione. (64 euro)

Un aggeggio per mettere alimenti in buste sottovuoto. (35 euro)

Una tastiera MIDI da collegare al computer per suonare e comporre musica di vari generi. (80 euro)

Acquerelli giapponesi costosi consigliati da Wirecutter. (42 euro e 20)

Una o due sedie pieghevoli colorate, quelle con i colori di Pantone, per aggiungere un posto a tavola a Capodanno. (68 euro)

Il valore massimo dei buoni di Amazon è 5mila euro quindi magari da qualche parte c’è qualcuno che ha ricevuto una somma del genere. A queste fortunate persone la redazione del Post suggerisce (oltre a tutti gli oggetti precedenti) una lampada Arco, che su Amazon si trova a 1.500 euro.

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli della sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.