Il presidente argentino Mauricio Macri (Amilcar Orfali/Getty Images)
  • Mondo
  • sabato 15 dicembre 2018

«Quello che prima era normale ora non lo è più»

Lo ha detto il presidente argentino Mauricio Macri, esprimendosi sulla denuncia di stupro di un'attrice della telenovela "Il Mondo di Patti" contro un suo collega molto famoso

Il presidente argentino Mauricio Macri (Amilcar Orfali/Getty Images)

Il presidente argentino Mauricio Macri si è espresso venerdì sulla denuncia di stupro fatta dall’attrice Thelma Fardin contro il famoso attore Juan Darthés, di cui si sta parlando da giorni in Argentina.

Il caso era emerso mercoledì, dopo che Fardin aveva raccontato dello stupro durante un evento organizzato dal collettivo femminista “Actrices Argentinas” in un teatro di Buenos Aires. Secondo la testimonianza di Fardin, Darthés l’avrebbe stuprata nel 2009, quando lei aveva 16 anni e lui 45, durante un tour dal vivo in Nicaragua della telenovela argentina Il mondo di Patti, trasmessa anche in Italia da Disney Channel.

Riferendosi al presunto stupro, Macri ha detto:

«È un orgoglio essere uniti durante la settimana così speciale che stiamo vivendo in Argentina. Tutti dobbiamo capire che questa rivoluzione delle donne è il punto centrale del secolo che stiamo vivendo. Quello che sta succedendo riguarda tutti. Non abbiamo paura della verità. Che venga fuori la verità è sano. È una cosa buona che stiamo parlando dei temi reali, veri. È in corso un cambio di epoca e quello che prima ci sembrava normale ora non lo è più.»

La testimonianza di Fardin è stata al centro del dibattito di talk show e giornali degli ultimi giorni. Oltre che per la gravità del presunto reato commesso, il caso ha colpito e interessato moltissime persone per la notorietà di Darthés, attore molto famoso in tutto il Sudamerica ma già in passato accusato di molestie, e per il successo della telenovela Il mondo di Patti. Negli ultimi giorni diversi famosi attori argentini, come Sebastián Estevanez e Mariano Martínez, hanno preso le distanze da Darthés e si sono schierati dalla parte di Fardin.

Dopo la testimonianza di Fardin, in Argentina le denunce per episodi di molestie e violenze sessuali sono aumentate moltissimo. Diverse donne che lavorano nel mondo della televisione e dello spettacolo hanno raccontato di avere subìto abusi da produttori di rete o da altri uomini con molto potere. María Del Cerro, famosa attrice e modella argentina, ha raccontato in diretta televisiva di essere stata violentata quando aveva 11 anni, episodio che non conosceva nessuno al di fuori del suo compagno.

Una dipendente del Parlamento argentino, Claudia Guebel, ha denunciato il senatore Juan Carlos Marino per abusi sessuali: Marino ha negato le accuse, ma ora tocca al Senato stabilire se dare l’autorizzazione alle autorità per l’avvio delle indagini contro di lui.

Nel frattempo Darthés ha negato le accuse di Fardin e in un’intervista ha raccontato una versione diversa dei fatti. Darthés, comunque, dovrà rispondere di una denuncia di stupro in Nicaragua, paese dove secondo la testimonianza di Fardin avvenne la violenza sessuale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.