• Mondo
  • giovedì 13 dicembre 2018

La Cina ha confermato l’arresto del noto fotografo Lu Guang, di cui non si avevano notizie da un mese

Lu Guang, un famoso fotografo di cui non si avevano notizie da novembre, è stato arrestato in Cina. Lo sospettavano in molti, ma ora è arrivata una conferma da parte di Xu Xiaoli, la moglie che vive negli Stati Uniti. Xu ha detto al giornale di Hong Kong South China Morning Post che la polizia cinese le ha confermato che Lu Guang è stato arrestato nella provincia dello Xinjiang, abitata soprattutto dagli uiguri, minoranza etnica musulmana accusata dal governo cinese di separatismo e terrorismo. Xu ha detto che non sono stati comunicati i motivi dell’arresto del marito.

Prima dell’arresto, Lu Guang viveva in un’altra area della Cina: era andato nello Xinjiang per partecipare ad alcune mostre fotografiche. Lu ha 57 anni e nella sua carriera ha vinto numerosi premi internazionali, compresi tre World Press Photo, spesso con progetti che mostravano l’impatto ambientale della rapida crescita economica cinese. Lu Guang possiede tra l’altro detentore una green card statunitense, cioè un permesso di soggiorno per un periodo illimitato.

View this post on Instagram

The powerful documentary work of Lu Guang, a Chinese national but US Green Card holder who has been detained by the Chinese Security Police 26 days ago while on a trip to Xianjiang. We ask to know of his whereabouts and his well-being. Lu Guang is a three time World Press Photo winner, winner of the W. Eugene Smith Grant in 2009 for his work on pollution on China, an award from the Prince Claus Fund , a National Geographic Grant and others. (c) Lu Guang/Contact Press Images See a piece from Nov 29 on CNN. https://www.cnn.com/videos/tv/2018/11/29/news-stream-intv-stout-butler-lu-guang-china-photojournalist-missing.cnn #luguang #china #chinapollution #journalist #detained #contactpressimages

A post shared by Jeffrey D Smith (@contactpressimages) on

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.