• Sport
  • martedì 11 dicembre 2018

Il giocatore di basket Stephen Curry non crede che nessun uomo sia mai andato sulla Luna

Stephen Curry, uno dei più forti e famosi giocatori di basket al mondo, ha detto che non crede che l’uomo sia davvero mai andato sulla Luna. Curry, che è statunitense e gioca in NBA con i Golden State Warriors, lo ha detto intervenendo in un podcast condotto dai suoi colleghi Vince Carter e Kent Bazemore, e da Annie Finberg, e prodotto dal sito The Ringer. A un certo punto, mentre discutevano di basket, i tre hanno cambiato argomento e sono finiti a discutere del fatto che i versi che i dinosauri fanno nei film siano o no simili ai versi che facevano nella realtà. Poi, a proposito di cose a cui non credere, Curry ha detto di non credere nemmeno che l’uomo sia davvero andato sulla Luna, e Carter e Bazemore hanno detto di concordare con lui.

La NASA ha mandato sulla Luna dodici persone tra il 1969 e il 1972, nell’arco di sei missioni diverse, ma quella secondo cui lo sbarco sulla Luna del 1969 – e gli altri, probabilmente – siano stati una messa in scena è una delle più popolari teorie del complotto. Alle dichiarazioni di Curry ha risposto la stessa NASA, l’agenzia spaziale statunitense, invitandolo a visitare la sede del centro di controllo delle missioni spaziali a Houston. «Abbiamo centinaia di pietre lunari conservate qui», ha detto Allard Beutel, portavoce della NASA, al New York Times. «Durante la sua visita Curry potrà vedere cosa abbiamo fatto in 50 anni e quello che stiamo facendo ora per tornare sulla Luna nei prossimi anni, ma questa volta per rimanerci».

La parte in cui Curry parla della Luna inizia al minuto 46:45

(Kevin C. Cox/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.