• Italia
  • venerdì 7 dicembre 2018

Medici Senza Frontiere ha detto che la nave Aquarius non riprenderà le operazioni di soccorso nel Mediterraneo

Medici Senza Frontiere ha detto che la nave Aquarius non riprenderà le operazioni di soccorso nel Mediterraneo, citando come causa la crescente ostilità di molti governi europei. L’Aquarius aveva cominciato le operazioni nel 2015, pattugliando specialmente il tratto di mare tra l’Italia e la Libia spesso attraversato dai migranti con imbarcazioni precarie e pericolose. Negli ultimi due mesi la Aquarius era rimasta bloccata nel porto di Marsiglia, in Francia, dopo che Panama aveva revocato la sua registrazione nei propri registri navali citando pressioni da parte delle autorità italiane. A fine novembre, la procura di Catania aveva inoltre chiesto il sequestro della Aquarius nell’ambito di un’inchiesta sullo smaltimento di rifiuti pericolosi. Nel comunicato di Medici Senza Frontiere che annuncia la fine delle attività della Aquarius, queste accuse sono definite “evidentemente assurde”.

L'Aquarius a Malta (Raphael Satter/AP photo)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.