L’Unione Europea ha vietato il geo-blocking

Da oggi tutti i siti di e-commerce europei devono applicare condizioni uguali a chiunque compri da un paese UE: prima le cose erano molto complicate

(Stuart C. Wilson/Getty Images for eBay)

Da lunedì 3 dicembre l’Unione Europea ha vietato il cosiddetto geo-blocking: quell’insieme di pratiche con cui i negozi online limitavano gli acquisti dei clienti che si collegavano da altri paesi dell’Unione Europea, applicavano loro condizioni di vendita diverse o li costringevano a comprare da altri siti registrati nei loro paesi di provenienza. Ora per chi si trova in un paese dell’Unione Europea è possibile fare acquisti online su tutti i siti di e-commerce dei paesi dell’Unione Europea, senza essere bloccati perché non si risiede nello stato del venditore o perché si effettua il pagamento con una carta di credito di un altro paese.

Il nuovo regolamento sul geo-blocking era stato approvato da Parlamento e Consiglio dell’Unione Europea lo scorso febbraio ed è entrato in vigore il 3 dicembre: fa parte di una serie di nuove regole per l’e-commerce che mirano a creare il mercato unico digitale europeo e che tra le altre cose permetteranno di abbassare le tasse per la spedizione di beni tra i paesi dell’Unione e aumentereranno le protezioni per i consumatori. L’eliminazione del geo-blocking porterà benefici soprattutto i consumatori, che avranno più scelta a disposizione e più garanzie sui prodotti che acquistano, ma anche i rivenditori visto che il commercio online tra paesi europei aumenterà.

Prima, grazie al geo-blocking i rivenditori online potevano applicare delle barriere e imporre delle restrizioni ai consumatori in base alla loro nazionalità o al luogo di residenza: ad esempio bloccando l’accesso dei siti oltre i confini nazionali o negando la possibilità di completare un ordine, comprare dei prodotti o scaricare dei contenuti quando l’accesso al sito proveniva dall’estero. Anche il fatto che alcuni siti non prevedessero consegne oltre il confine nazionale era un caso di geo-blocking, così come l’avere tariffe e condizioni diverse che discriminavano tra consumatori nazionali e esteri.

Ora, il nuovo regolamento vieta qualsiasi tipo di blocco geografico ingiustificato e qualsiasi altra forma di discriminazione bastata sulla nazionalità o la posizione dei consumatori, se questi si trovano all’interno del mercato unico europeo, e consentirà ai consumatori di scegliere tra prodotti con prezzi più competitivi.

«Nel 2015 il 63% dei siti non consentiva agli utenti di effettuare acquisti da un altro Paese dell’Unione Europea, di conseguenza due terzi dei consumatori che volevano fare acquisti online all’estero non hanno potuto farlo», ha spiegato il vicepresidente della Commissione Europea per il Mercato unico digitale Andrus Ansip durante una conferenza stampa con la commissaria per il Mercato interno Elżbieta Bieńkowska, quella per la Giustizia Věra Jourová e quella per l’Economia digitale Mariya Gabriel. «Il 3 dicembre mettiamo fine a questa pratica. Vogliamo un’Europa senza barriere, e questo vuol dire anche eliminare gli ostacoli agli acquisti online» hanno detto i quattro commissari.

Mostra commenti ( )