• Mondo
  • martedì 27 novembre 2018

Due dei marinai ucraini arrestati dalla Russia nello stretto di Kerč’ sono stati condannati a due mesi di carcere

Due dei marinai ucraini arrestati dalla Russia nello stretto di Kerč’ sono stati condannati a due mesi di carcere da un tribunale in Crimea e ci si aspetta che arriveranno condanne simili anche per gli altri 21 marinai arrestati. Oggi i servizi di sicurezza russi hanno anche pubblicato dei video con le dichiarazioni di tre dei marinai, in cui confessano di aver «provocato» le navi russe che pattugliavano lo stretto e di aver «deliberatamene ignorato le richieste» di lasciare le acque territoriali della Russia. I marinai ucraini sono stati arrestati domenica quando due navi militari e un rimorchiatore ucraino che stavano cercando di attraversare lo stretto si sono scontrate con delle navi della marina russa. Il capo della marina ucraina, Ihor Voronchenko, ha detto che i tre uomini sono stati costretti a rilasciare dichiarazioni false. Oggi il Parlamento dell’Ucraina ha approvato 30 giorni di legge marziale in risposta al sequestro da parte della Russia delle tre navi della marina militare ucraina.

Le tre navi militari ucraine sequestrate dalla marina russa nel porto di Kerč' il giorno dopo l'incidente. (AP Photo)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.