Il valore dei bitcoin è sceso ancora, arrivando sotto i 4.000 dollari per unità

Bitcoin, la più importante e diffusa criptovaluta del mondo, ha perso ancora circa il 24 per cento nell’ultima settimana e ha toccato domenica il valore più basso da un anno a questa parte, 3.475 dollari, circa 3.000 euro, prima di risollevarsi leggermente. È un livello inferiore dell’80 per cento a quello dello scorso dicembre. Il valore di Bitcoin è crollato altre due volte in questo modo, nel 2013 e nel 2015, ma la perdita in termini di dollari stavolta è molto superiore, anche per le sue conseguenze sul più grande mercato delle criptovalute, che ha perso circa 700 miliardi di dollari dal punto più alto di un anno fa. Il crollo si deve al timore di imminenti regolamentazioni e sanzioni introdotte nel settore, e a una cosa grossa successa a Bitcoin Cash, una delle principali criptovalute alternative a Bitcoin.

(JACK GUEZ/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.