Un ricercatore cinese sostiene di avere creato una coppia di gemelle modificate geneticamente

Un ricercatore cinese ha annunciato di avere realizzato i primi bambini modificati geneticamente, due bambine gemelle nate a novembre e il cui DNA sarebbe stato modificato per riprogrammarlo. He Jiankui di Shenzen sostiene di avere cambiato gli embrioni di sette coppie nel corso di un trattamento per la fertilità, con una coppia che è poi arrivata a terminare la gravidanza. Lo scopo del lavoro non era creare nuovi nati per prevenire particolari malattie ereditarie, ma per provare a fare esprimere alcuni tratti, posseduti naturalmente da un numero molto basso di persone, che rendono l’organismo resistente alle infezioni da HIV, il virus che causa l’AIDS. La notizia è stata diffusa da Associated Press, ma la stessa agenzia spiega che ci sono dubbi e scetticismo sul lavoro svolto in Cina, i cui risultati non sono stati ancora pubblicati su una rivista scientifica.

He Jiankui (AP / YouTube)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.