• Mondo
  • lunedì 26 novembre 2018

Più di 145 cetacei sono stati trovati spiaggiati in Nuova Zelanda

Circa 145 globicefali – cetacei della famiglia dei delfinidi simili a piccole balene – sono stati trovati spiaggiati a Mason Bay sulla Stewart Island, un’isola remota e scarsamente popolate nel sud della Nuova Zelanda. Le autorità sono state avvisate da un escursionista sabato sera. Metà dei cetacei era già morta ed è stato necessario sopprimere quelli ancora vivi: la lontananza da strutture adeguate e il loro stato di salute avrebbe reso impossibile salvarli. Domenica poi sono stati trovati spiaggiati a Ninety Mile Beach, sull’isola del Nord, 10 esemplari di feresa attenuate, piccoli cetacei simili alle orche: da allora due sono morte, mentre le altre sono sotto cure mediche nel tentativo di salvarle.

Secondo il dipartimento per la Conservazione dell’ambiente neozelandese, in un anno ci sono in media 85 incidenti di questo tipo, che in genere coinvolgono un singolo animale e non un gruppo intero. Non si sa perché balene e delfini muoiano spiaggiati: tra i motivi, spiega il dipartimento, ci sono «malattie, errori di navigazione, conformazione del territorio, la marea che si ritira rapidamente, venire cacciati da un predatore e maltempo estremo». L’anno scorso vennero trovati circa 400 globicefali spiaggiati sulla Golden Bay, sull’isola del Sud: è considerato il terzo più grande spiaggiamento della storia del paese, dopo che nel 1918 vennero ritrovate mille balene spiaggiate sulle Chatham Islands.

Mason Bay, Stewart Island, Nuova Zelanda (Department of Conservation via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.