La Commissione Europea ha chiesto di aprire una procedura di infrazione contro l’Italia

Ritiene che la legge di bilancio presentata dal governo sfori i parametri comuni e possa mettere in pericolo la stabilità economica nazionale: ora si rischiano conseguenze pesanti

(EMMANUEL DUNAND/AFP/Getty Images)

La Commissione Europea ha raccomandato di aprire una procedura di infrazione per deficit eccessivo nei confronti del governo italiano. In sostanza, la Commissione ha concluso che la legge di bilancio presentata a fine settembre dal governo Conte potrebbe violare i parametri europei sulla riduzione del debito, e mettere in pericolo la stabilità dell’economia nazionale.

Nel comunicato con cui ha annunciato la decisione, la Commissione cita fra le ragioni «gli ampi divari dell’Italia rispetto al parametro di riduzione del debito», «il fatto che i piani del governo implicano un notevole passo indietro sulle passate riforme strutturali volte a stimolare la crescita», e infine «il rischio di deviazione significativa dal percorso di aggiustamento» concordato nei mesi scorsi. Durante la conferenza stampa in cui la Commissione ha presentato la sua decisione, il commissario agli Affari Economici Pierre Moscovici ha detto di aver incontrato moltissime volte il governo italiano e di aver chiesto più volte di fare alcune modifiche, ma senza ricevere alcuna risposta.

– Leggi anche: La procedura di infrazione europea, spiegata bene

La decisione era attesa da diversi giorni: la Commissione – a cui i trattati europei assegnano un compito di monitoraggio delle economie nazionali – aveva respinto la prima proposta di manovra economica qualche settimana fa, invitando a cambiarla piuttosto radicalmente. Il governo aveva proposto alcune modifiche minori, ritenute però insoddisfacenti.

Nelle prossime settimane la raccomandazione della Commissione dovrà essere esaminata dal Consiglio dell’UE, cioè l’organo in cui siedono i rappresentanti dei governi dei 28 stati membri, che a meno di sorprese dovrebbe aprire ufficialmente la procedura di infrazione per deficit eccessivo fra dicembre e gennaio. A quel punto il governo italiano avrà dai tre ai sei mesi di tempo per rimediare. Se non lo farà, il Consiglio dovrà imporre delle sanzioni economiche (nessun paese, finora, è mai arrivato a quel punto).

L’Italia non uscirà danneggiata soltanto nel caso in cui si arrivi alle sanzioni – cosa comunque possibile, una volta che la procedura verrà aperta – ma il governo rischia soprattutto una conseguenza ben più grave e immediata, cioè l’aumento ulteriore della già alta sfiducia da parte dei soggetti a cui ha intenzione e necessità di chiedere molti soldi in prestito – risparmiatori, investitori, fondi pensione, i cosiddetti “mercati” – per realizzare le sue promesse, e ai quali dovrà offrire interessi sempre più alti.

Mostra commenti ( )