Il trucco per muovere il cursore su iPhone che forse non conoscete

Avete usato la tastiera nel modo sbagliato, finora

Scrivere testi lunghi usando la tastiera dello smartphone può essere un’operazione frustrante. Quando si scrive su un computer, se si ha un ripensamento o si fa un refuso basta usare il mouse o il touchpad per selezionare la parola o la frase indesiderata e cambiarla, ma sullo schermo touch degli smartphone bisogna selezionare le parole con precisione chirurgica, un’operazione che richiede spesso diversi tentativi prima di essere completata con successo. Negli ultimi giorni se ne sta parlando molto sui social network perché esiste una funzione della tastiera di iPhone e iPad che semplifica tutto questo, e molti utenti la stanno scoprendo solo ora nonostante esista già da alcuni anni. Alcuni di voi sicuramente la conosceranno già, altri sicuramente no.

La funzione esiste già dal 2015 ma è stata migliorata con l’ultimo aggiornamento di software iOS 12. In sostanza quando si usa la tastiera di sistema di Apple, invece di cercare di spostare il cursore direttamente sul testo scritto premendo sulla posizione in cui si vuole posizionare, si può trasformare la tastiera in un touchpad su cui muovere liberamente il cursore. Per farlo basta tenere premuto sulla barra spaziatrice – ma funziona anche su un qualsiasi punto della tastiera – e questa diventerà uno spazio vuoto su cui muovere il dito e muovere così il cursore.

Inoltre, sui dispositivi dotati di “3D Touch”, premendo più a fondo è possibile selezionare una parola o un intero paragrafo. Per i modelli che non dispongono della funzione “3D Touch” come gli iPad e l’iPhone XR, tutto questo è possibile, come già in iOS 11, solo tenendo premuto sulla barra spaziatrice e non su qualsiasi punto della tastiera.

I nuovi iOS 12 e macOS Mojave

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.