• Mondo
  • giovedì 15 novembre 2018

La distruzione di Paradise, dall’alto

È la città più danneggiata dall'incendio nella California settentrionale: sono morte 56 persone e non rimane in piedi praticamente niente

Quel che resta di un quartiere a Paradise, California, 15 novembre 2018 (JOSH EDELSON/AFP/Getty Images)

Le foto scattate dall’alto a Paradise, una città di 26mila abitanti a nord di Sacramento, in California, mostrano chiaramente lo stato di devastazione in cui si trova a causa del Camp Fire, l’incendio che c’è da giorni nella California settentrionale. Soltanto qui ha provocato la morte di 56 persone mentre i dispersi sono 300: è l’incendio più grave di sempre nella storia dello stato. Di case, scuole, parcheggi, alberi non resta quasi niente e come ha detto Michael Zuccolillo, un consigliere comunale della città, il 95 per cento di Paradise è distrutto e il rimanente 5 per cento sono edifici che stanno a malapena in piedi: «Chiunque aveva una casa a Paradise probabilmente non ce l’ha più».

Il Camp Fire è iniziato giovedì 8 novembre vicino a Pulga, una piccola comunità nel nord circondata dalla foresta nazionale di Plumas, e grazie ai venti forti e alla siccità si è diffuso rapidamente. Altri incendi si sono sviluppati in altre zone della California: nel Sud, in particolare, il cosiddetto Woolsey Fire ha causato la morte di tre persone, distrutto più di 500 strutture a Malibu e portato all’evacuazione di 75mila abitazioni. Le attività di contenimento degli incendi proseguono ormai da giorni, con risultati migliori nel sud della California, nella zona di Los Angeles, e con maggiori difficoltà più a nord. I circa 9.400 vigili del fuoco al lavoro dicono che saranno necessarie ancora due settimane prima di avere pienamente la situazione sotto controllo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.