• Italia
  • mercoledì 14 novembre 2018

La bufala su Soros, Mastercard e i migranti

Giorgia Meloni e i giornali di destra hanno ripreso una notizia falsa inventata da un sito sloveno: Agi e Pagella Politica hanno ricostruito come è arrivata nel nostro paese

(ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

In un video sulla sua pagina Facebook, la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni è sembrata prendere sul serio una notizia falsa che circola da mesi su numerosi siti complottisti di estrema destra e che in passato è già stata smentita più volte. Secondo Meloni, il finanziere e filantropo George Soros (che è uno dei principali bersagli dell’estrema destra europea e americana) in collaborazione con la società MasterCard avrebbe fornito un imprecisato numero di carte di credito ad alcuni “migranti”, con lo scopo, sembrerebbe, di facilitare il loro viaggio verso l’Europa. Questa carte sarebbero state contrassegnate con il marchio dell’UNHCR, l’agenzia dell’ONU che si occupa di rifugiati.

Non si capisce perché – se fosse un piano occulto per finanziare l’immigrazione – sarebbe stato scelto un metodo facilmente tracciabile come la distribuzione di carte di credito, per di più contrassegnate con il marchio di uno degli autori del complotto . Come è abbastanza evidente si tratta di una storia falsa, completamente priva di fonti (e che sembra mettere insieme varie iniziative reali, come ad esempio un programma per fornire carte prepagate ai richiedenti asilo che si trovano in Grecia). La storia è stata inventata da un sito sloveno specializzato in teorie del complotto e negazionismo dell’olocausto e si è rapidamente diffusa su dozzine di siti di estrema destra. Agi e Pagella Politica hanno ricostruito la genesi della bufala e come è arrivata nel nostro paese: non solo sulla pagina Facebook di Meloni ma anche su alcuni quotidiani.

Il 12 novembre, la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha diffuso un video sul proprio profilo Facebook (min. 0.15) in cui chiede nuovamente conto “di una cosa che è stata scritta sui giornali nelle ultime settimane: cioè che la polizia croata alla frontiera con la Croazia avrebbe trovato dei richiedenti asilo in possesso di una carta di credito che ha il logo della Mastercard, il logo della Unhcr e, da una serie di approfondimenti, parrebbe finanziata dalla fondazione di George Soros, cioè il famoso finanziere internazionale che fa di tutto per favorire l’immigrazione incontrollata”.

La stessa questione era stata sollevata dal parlamentare di Fdi Carlo Fidanza il 9 novembre, nel corso di un dibattito televisivo in cui era presente anche la rappresentante italiana dell’Unhcr Carlotta Sami.

Nel suo video Giorgia Meloni critica (min. 1.45) l’Unhcr (l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa dei rifugiati) per aver scritto al presidente della Camera Roberto Fico, in seguito allo scontro tra Fidanza e Sami, avanzando la richiesta alla politica di “moderare il linguaggio per non creare spazio per abusi e violenze”, invece di dare risposta sulla questione delle carte di credito per i migranti.

Quella delle carte di credito “pagate da Soros” è però una notizia falsa, un caso da manuale di disinformazione dove vengono mischiate questioni differenti per attaccare bersagli precisi (i migranti, l’Onu, Soros). È già stata smentita dall’Unhcr e da numerosi fact-checker italiani e stranieri: si tratta infatti di una bufala che è arrivata in Italia dopo aver avuto ampia diffusione in altri Paesi europei.
Ma andiamo con ordine.

La notizia originaria e la sua diffusione
Come nasce questa notizia? Secondo numerosi media, italiani e internazionali, la “notizia” originale proverrebbe dal sito sloveno Nova24, un noto diffusore e fabbricatore di bufale che è conosciuto per i suoi contenuti xenofobi, complottisti, di estrema destra e antisemiti, tra cui la negazione dell’Olocausto, scrive Valigia Blu. Un sito che oltretutto, secondo il New York Times, apparterrebbe a una galassia di media finanziati da uomini d’affari vicini al presidente ungherese nazionalista e xenofobo, Viktor Orbán, per diffondere contenuti di estrema destra in Europa.

Il 30 ottobre Nova 24 ha scritto nel suo articolo, citando come fonte un reportage di inizio settembre della testata croata kamenjar.com, che un non meglio identificato esponente della polizia croata avrebbe riscontrato che «un gran numero di questi immigrati clandestini è ben vestita e attrezzata – scarpe nuove, telefoni cellulari moderni, armi bianche, e molti hanno carte di credito MasterCard. Senza nome, ci sono scritti sopra solo il numero e il marchio Unhcr».
Non si tratta dunque di una fonte ufficiale della polizia croata, ma di una testimonianza verbale riportata in forma anonima.

In ogni caso, qui ancora non si parla di Soros, ma l’aggiunta del ruolo del finanziere spesso al centro delle teorie complottiste dell’estrema destra non tarda ad arrivare.

 

(Continua a leggere sul sito di Agi)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.