• Sport
  • venerdì 9 novembre 2018

Iniziano i Mondiali di scacchi

Si sfidano Magnus Carlsen, il dominatore degli ultimi anni, e l'italoamericano Fabiano Caruana, l'unico che sembra potergli tenere testa: la prima partita è oggi

Iniziano oggi a Londra i Mondiali di scacchi, con la prima delle 12 partite tra l’italoamericano Fabiano Caruana e il norvegese Magnus Carlsen, campione del mondo in carica. La dodicesima, se ci si arriverà, sarà il 26 novembre; e il 28 ci potrebbero essere le eventuali partite di spareggio. I Mondiali sono molto attesi perché Carlsen è da anni il più forte scacchista in circolazione, ma Caruana si sta avvicinando al suo livello. I due sono anche primo e secondo nella classifica FIDE, la federazione mondiale degli scacchi. La prima delle dodici partite è iniziata oggi alle 16 e si può seguire anche su Chess.com: Caruana gioca con i bianchi, Carlsen con i neri.

I Mondiali di scacchi si disputano ogni due anni e ci sono due partecipanti: il campione in carica e lo sfidante, che si qualifica attraverso delle partite preliminari. C’è un giorno di riposo ogni due giorni di gara (fatta eccezione per l’undicesima e la dodicesima patita, che hanno in mezzo un giorno di riposo) e Caruana avrà i bianchi per tutte le partite dispari e il nero in quelle pari (viceversa per Carlsen, come avrete intuito). Ogni vittoria vale un punto e ogni pareggio ne vale mezzo: vince il primo che arriva a sei punti e mezzo. Come spiega OA Sport, «il tempo di riflessione è fissato in 100 minuti a testa per le prime 40 mosse, 50 per le successive 20 e 15 per finire, sempre con incremento di 30 secondi per mossa. Non è possibile accordarsi per la patta prima della trentesima mossa». Se invece si è ancora in parità dopo 12 partite, ci sono alcune partite di tie-break o spareggio, che si giocano con modalità semi-veloci, fino ad una finale con la modalità nota come Armageddon, dove gli scacchisti hanno ancora meno tempo per pensare. Le partite semi-veloci sono considerate favorevoli a Carlsen, uno scacchista molto rapido.

Prima di questi Mondiali, Caruana e Carlsen si sono sfidati 33 volte, sempre in partite “a tempo classico”. Carlsen ha vinto 10 volte, Caruana 5 e per 18 volte non ha vinto nessuno. La loro partita più recente, giocata quest’anno, è finita in parità.

Carlsen ha 27 anni ed è il primo campione del mondo di scacchi proveniente da un paese occidentale dopo l’americano Bobby Fischer, che vinse il titolo dal 1972 al 1975. Ha molti sponsor norvegesi e ha pure un contratto come modello per il marchio di abbigliamento G-Star. In Norvegia è così popolare che qualche anno fa la televisione di Stato spese quasi 2 milioni di euro per comprare i diritti per trasmettere i suoi tornei internazionali di scacchi per i successivi sei anni.

Carlsen cominciò a giocare seriamente a scacchi quando aveva otto anni, età in cui riuscì anche a battere per la prima volta il padre Hans (anche lui un discreto scacchista). Rispetto ad altri giovani scacchisti della sua generazione, ha utilizzato molto meno i programmi informatici per giocare, anche se lo chiamano “il campione della generazione dei computer” perché ha lo stile che più somiglia a quello di un computer. Quando aveva 9 anni il padre lo affidò al suo primo insegnante, un campione di scacchi norvegese. Quando divenne un professionista, e dopo aver partecipato e vinto moltissimi tornei, la sua famiglia ingaggiò come insegnante privato il famoso campione russo Kasparov, da cui Carlsen si separò però nel 2010. Mentre Carlsen era a un torneo a Wijk aan Zee, nei Paesi Bassi, Kasparov propose al ragazzo un’apertura diversa da quella che avevano concordato. Carlsen perse la partita: anche se vinse il torneo, decise di lasciare Kasparov.

Caruana ha 26 anni, un padre italoamericano e una madre italiana, ma è nato a Miami, in Florida, e gioca per la federazione statunitense. Gioca a scacchi da quando aveva cinque anni ed è “grande maestro” – il più alto riconoscimento attribuito agli scacchisti dalla FIDE – dal 2007, quando aveva 14 anni, 11 mesi e 20 giorni: fu il più giovane giocatore statunitense e italiano ad aver ottenuto questo riconoscimento.

Parlando dello stile di gioco di Caruana, Carlsen ha detto che è «molto concreto» e che l’avversario ama molto giocare al centro della scacchiera e non si fa problemi a sacrificare pedoni, anche a costo di rischiare possibili attacchi al suo re. Lo fa, ha spiegato Carlsen, per poter poi prendere controllo dell’area centrale della scacchiera, e da lì provare a imporre il suo gioco, come si direbbe per una partita di calcio.

Mostra commenti ( )