(AP Photo/Peter Dejong)
  • Mondo
  • sabato 3 novembre 2018

Il quartiere a luci rosse di Amsterdam deve cambiare

Attrae moltissimi turisti che molestano le prostitute danneggiando i loro affari: la sindaca ha un piano per sistemare le cose

(AP Photo/Peter Dejong)

La popolarità tra i turisti del famoso quartiere “a luci rosse” di Amsterdam – De Wallen – sta creando sempre più problemi alle donne che lì lavorano come prostitute, e la città sta pensando di risolvere la situazione offrendo alle prostitute la possibilità di lavorare in altre zone di Amsterdam.

Il quartiere a luci rosse di Amsterdam è famoso per le prostitute che si mostrano in vetrine lungo tutte le strade e ricevono i loro clienti in piccole stanze adiacenti. La popolarità del quartiere attrae ogni giorno migliaia di persone per le vie di De Wallen, con problemi di ordine pubblico, pulizia e fastidio per le prostitute, che vengono continuamente fotografate e faticano a ricevere i loro clienti. Guadagnare abbastanza per vivere, in quel contesto, è diventato sempre più difficile, e in più le donne che lavorano devono tollerare insulti e altre forme di abuso da turisti e altri frequentatori del quartiere.

Femke Halsema, la prima sindaca donna di Amsterdam, sostenuta da una coalizione di sinistra, ha proposto un piano per provare a sistemare le cose e che sembra avere ottenuto abbastanza consenso per essere messo in pratica. La sua idea è quella di dare permessi alle prostitute che lavorano a De Wallen per spostarsi in altre aree della città, in case protette e sorvegliate in cui poter ricevere i propri clienti in modo sicuro e discreto. Femke Roosma, consigliera cittadina che fa parte della coalizione che sostiene Halsema, ha spiegato che l’idea è creare qualcosa di simile ad alberghi, con stanze dotate di un pulsante per chiedere aiuto, una cassaforte e telecamere all’ingresso.

I contrari sostengono che il piano cancellerà uno dei quartieri storici più famosi di Amsterdam, ma è vero che gli altri piani per provare a risolvere i problemi delle donne che lavorano a De Wallen sono falliti. Si è provato per esempio ad aumentare la presenza della polizia nel quartiere, ma senza la possibilità di fare multe ai turisti non è cambiato molto; un piano del 2014 per comprare gradualmente le vetrine alle donne che desiderano andarsene dal quartiere non ha dato i risultati sperati. Qualcuno ha proposto di chiudere il quartiere nei momenti di maggior traffico, ma anche in questo caso non sembra che l’idea possa essere risolutiva. Il risultato è che negli ultimi anni molte donne e ragazze hanno cominciato a cercare clienti su internet, esponendosi però a rischi maggiori e lasciando abbandonate molte vetrine a De Wallen.

Nei Paesi Bassi la prostituzione è legale dal 2000, dopo che per tutto il Novecento era stata semplicemente “tollerata” (di fatto la prostituzione non era un reato perseguibile penalmente). Alle prostitute che lavorano regolarmente è chiesto di pagare le tasse e – se sono dipendenti – hanno gli stessi diritti dei normali lavoratori. Se il progetto di Halsema otterrà il sostegno necessario, dovrebbe partire già il prossimo anno.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.