È morto l’attore napoletano Carlo Giuffré

Recitò a lungo con il fratello Aldo nel teatro di Eduardo De Filippo; è ricordato anche per alcuni personaggi della commedia all'italiana

È morto a Napoli l’attore di cinema e teatro Carlo Giuffré: tra un mese, il 3 dicembre, avrebbe compiuto novant’anni. Nato a Napoli, iniziò a recitare in teatro con il fratello maggiore Aldo dal 1947; due anni dopo debuttarono insieme con Eduardo De Filippo e da allora la coppia di fratelli Giuffré recitò in quasi tutte le sue commedie.
Nel 1963 entrò a far parte della Compagnia dei Giovani, dove rimase per otto anni portando in scena opere come Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello, Tre sorelle di Anton Čechov ed Egmont di Johann Wolfgang Goethe. Ha recitato in film e fiction tv come I Giacobini (1962), diretto da Edmo Fenoglio, ha condotto il Festival di Sanremo, nel 1971, ed è ricordato per alcuni personaggi della commedia all’italiana: Vincenzo Maccaluso di La ragazza con la pistola (1968), Silver Boy di Basta guardarla (1971), il marito di La signora è stata violentata! (1973) e l’amante di La signora gioca bene a scopa? (1974). La sua ultima apparizione è del 2015 nell’adattamento teatrale di Schindler’s List di Steven Spielberg.

Carlo e Aldo Giuffré negli anni Novanta
(ANSA)

Carlo Giuffré a Roma nel 2013 (Pasquale Carbone / Lapresse)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.