Weekly Beasts

Lemuri e zucche, piccoli e grandi gabbiani, libellule e gipeti, nella raccolta bestiale della settimana

Un gabbiano e un graffito a Belgrado, Serbia (AP Photo/Darko Vojinovic)

D’autunno anche gli animali sono più fotogenici: sarà per le gocce di pioggia che si confondono con le rughe di un rinoceronte, per le foglie fulve che mimetizzano una volpe nella boscaglia o per la foschia che scontorna i cigni in un laghetto. Fa più paura un lemure o la sua sdentata zucca di Halloween? Più tenerezza una femmina d’orango con il suo cucciolo in braccio o una donna che bacia un pappagallo sul becco? La coppia più bella è forse quella di un minuscolo gabbiano sullo sfondo di un gabbiano gigante, mentre l’espressione da ricordare se la contendono un gufo reale, un cagnolino dietro un vetro bagnato e l’occhio lucente e nerissimo di un cavallo da corsa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.