(Piero Cruciatti/LaPresse)
  • Italia
  • martedì 23 ottobre 2018

Da oggi i diesel Euro 4 non possono circolare a Milano

Dalle 8.30 alle 18.30, fino a quando i livelli di particolato si abbasseranno: le cose da sapere

(Piero Cruciatti/LaPresse)

Il divieto di circolare per i veicoli privati diesel Euro 4 nel comune di Milano e in altri comuni limitrofi inizia oggi, martedì 23 ottobre: non potranno circolare dalle 8.30 alle 18.30, anche se provvisti di filtro antiparticolato. Il provvedimento è stato preso perché previsto da un accordo tra le regioni del bacino padano: quando il particolato (PM10) rilevato supera i 50 microgrammi per metro cubo di aria per cinque giorni di fila entrano in vigore automaticamente le misura anti-smog. Le altre misure adottate per la stessa ragione, è scritto sul sito del Comune di Milano, sono «il divieto di superare la temperatura di 19° C nelle abitazioni e negli esercizi commerciali e il divieto di utilizzare sistemi di riscaldamento domestico a legna non efficiente (classe emissiva fino a 2 stelle compresa)». I divieti dureranno fino a quando i livelli di PM10 torneranno entro i limiti previsti.

All’inizio di ottobre era già entrato in vigore il divieto per i diesel Euro 3 in tutta la regione (e anche in Veneto, Piemonte ed Emilia-Romagna, le altre dell’accordo).

Le cose da sapere sul grande blocco del traffico dei diesel Euro 3

Il provvedimento dovrebbe durare almeno fino a giovedì 25 ottobre: se le rilevazioni in quella data stabiliranno che la quantità di particolato è rientrata sotto la soglia stabilita, i diesel Euro 4 potranno tornare a circolare. In caso contrario il divieto verrà prolungato. Qui è possibile consultare l’elenco dei comuni colpiti dal blocco.

Raffaele Cattaneo, assessore all’ambiente della Regione Lombardia, si è detto contrario all’automatismo che ha portato al blocco dei diesel e vorrebbe cambiare il provvedimento: «Dobbiamo combattere l’inquinamento, non rendere impossibile la vita delle persone e la mobilità». L’assessore alla Mobilità e all’ambiente di Milano, Marco Granelli, ha risposto che c’è bisogno di misure strutturali e non emergenziali, e che è «molto meglio finanziare di più il trasporto pubblico e dare più contributi per usare metano ed elettrico» piuttosto che costringere le persone a usare il trasporto pubblico in alcuni giorni e in altri la propria auto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.