(ANSA)
  • Italia
  • lunedì 22 ottobre 2018

Ci sono novità sull’insabbiamento del caso Cucchi

Repubblica scrive di avere le prove che nella copertura di ciò che accadde dopo il pestaggio fossero coinvolti anche i vertici dei carabinieri

(ANSA)

Su Repubblica di oggi Carlo Bonini ha scritto un articolo in cui dice che «nuovi documenti e circostanze accertate e verificate indipendentemente» dal suo giornale «indicano che fu l’intera catena di comando dell’Arma dei carabinieri di Roma a coprire la verità e le responsabilità del pestaggio di Stefano Cucchi», il 31enne romano trovato morto il 22 ottobre del 2009 in una stanza del reparto protetto dell’ospedale Sandro Pertini di Roma, dove era ricoverato da quattro giorni dopo essere stato arrestato per spaccio di droga. Repubblica ha dunque ricostruito e pubblicato i nomi di chi – secondo gli elementi da loro raccolti – diede l’ordine di falsificare le carte per far sparire ogni riferimento alle reali condizioni di Stefano Cucchi la notte in cui, dopo il pestaggio, venne trasferito dalla caserma di Tor Sapienza.

Prima di arrivare a ciò che dice Repubblica va ricordato che, una decina di giorni fa, c’è stata un’importante svolta nel processo bis per la morte di Stefano Cucchi, processo iniziato nel 2017 con il rinvio a giudizio di cinque carabinieri: tre accusati di omicidio preterintenzionale e abuso di autorità (Francesco Tedesco, Raffaele D’Alessandro e Alessio Di Bernardo) e due per falso e calunnia (Roberto Mandolini e Vincenzo Nicolardi). Lo scorso 11 ottobre Francesco Tedesco ha ammesso di aver assistito al pestaggio di Cucchi e ha accusato Raffaele D’Alessandro e Alessio Di Bernardo di esserne i responsabili. Ha inoltre parlato del ruolo avuto dagli altri due imputati nel coprire quello che era accaduto. Il 12 ottobre si è saputo che c’erano altri due carabinieri indagati per aver falsificato i documenti relativi alla morte di Stefano Cucchi: Massimiliano Colombo, comandante della stazione di Tor Sapienza, una delle caserme dove Cucchi venne detenuto dopo l’arresto, e Francesco Di Sano, un altro dei militari in servizio nella stazione.

Repubblica sostiene ora che la manipolazione dei verbali, delle annotazioni di servizio e dei registri interni, avvenne tra il 23 e il 27 ottobre «con ordini trasmessi per via gerarchica» e che venne definitivamente decisa «in una riunione che il 30 di quello stesso mese si svolse negli uffici del generale di brigata e allora comandante provinciale di Roma Vittorio Tomasone». Con lui, scrive Bonini, c’erano almeno altri tre ufficiali: «L’allora comandante del Gruppo Roma, il colonnello Alessandro Casarsa ( oggi comandante del reggimento corazzieri del Quirinale) e i due ufficiali che a lui gerarchicamente erano sotto-ordinati quali comandanti di compagnia: il maggiore Luciano Soligo (allora comandante della compagnia Talenti Montesacro) e il maggiore Paolo Unali (allora comandante della Compagnia Casilina)». C’erano infine «i marescialli Roberto Mandolini (vice comandante della stazione Appia) e il maresciallo Massimiliano Colombo Labriola (comandante della stazione Tor Sapienza)».

Colombo Labriola sarebbe, secondo Repubblica, la persona che ha conservato per nove anni la corrispondenza e i documenti che possono ora spiegare chi coprì la verità e chi diede l’ordine di coprirla. Tale documentazione sarebbe stata consegnata da Labriola stesso all’inizio della scorsa settimana agli agenti della squadra mobile di Roma che stavano perquisendo il suo ufficio di Tor Sapienza. Scrive Repubblica:

«Le carte stampate dal maresciallo Labriola e in particolare una delle mail che la Polizia trova in quello scartafaccio indicano infatti al di là di ogni ragionevole dubbio che l’ordine di falsificazione delle annotazioni di servizio redatte dagli appuntati Francesco Di Sano e Gianluca Colicchio (i due piantoni che presero in carico Stefano la notte dell’arresto) arrivò dal comando di compagnia Talenti-Montesacro, cui la stazione di Tor Sapienza dipendeva gerarchicamente. È la prova che Francesco Di Sano, il 17 aprile scorso, durante una delle udienze del processo Cucchi-bis ha detto la verità. “È vero, modificai la relazione di servizio — aveva spiegato — Mi chiesero di farlo, perché la prima era troppo dettagliata. Io eseguii l’ordine del comandante Colombo, che lo aveva avuto da un superiore nella scala gerarchica, forse il comandante provinciale (il generale Tomasone, ndr), ma non saprei dirlo con esattezza”».

Il falso prodotto su ordine di Colombo e di un suo superiore prevedeva che il corpo tipografico originale della annotazione di Di Sano venisse rimpicciolito «per trasformare e far stare nella stessa pagina, senza che si notasse la manomissione testuale, l’iniziale ricostruzione»: per inserire cioè le presunte motivazioni per cui Cucchi non riusciva a nemmeno a camminare. Venne scritto che Cucchi aveva riferito «di essere dolorante alle ossa sia per la temperatura freddo umida che per la rigidità della tavola da letto priva di materasso e cuscino, ove comunque aveva dormito per poco tempo, dolenzia accusata anche per la sua accentuata magrezza».

L’altra annotazione manomessa sarebbe quella del carabiniere Colicchio «per mano del maresciallo Colombo e per ordine della scala gerarchica», dice Repubblica. Lo scorso aprile, in aula, Colicchio disse che il testo in cui era possibile leggere che Cucchi «dichiarava di avere forti dolori al capo, giramenti di testa, tremore e di soffrire di epilessia» era suo; ma che non era sua un’annotazione con stessa data e numero di protocollo in cui si diceva che Cucchi dichiarava «di soffrire di epilessia, manifestando uno stato di malessere generale verosimilmente attribuito al suo stato di tossicodipendenza e lamentandosi del freddo e della scomodità della branda in acciaio».

Il 30 ottobre, scrive infine Bonini, negli uffici del Comando provinciale di Roma si svolse una riunione, convocata dal generale Tomasone a cui parteciparono «il comandante del gruppo Roma Casarsa, i due comandanti di compagnia Unali e Soligo, i marescialli Mandolini (stazione Appia) e Colombo Labriola (Tor Sapienza), che hanno materialmente disposto i falsi, nonché i carabinieri coinvolti quella notte, anche se mancano, perché in licenza, Tedesco e Di Sano». Di quella riunione non venne redatto alcun verbale: «Se ne tacerà l’esistenza alla magistratura che indaga. E c’è un motivo». Secondo Bonini la riunione doveva infatti verificare che le carte falsificate fossero a posto, così come i registri di protocollo e le annotazioni di servizio che erano state modificate e che «prevedono il coinvolgimento di almeno due Comandi di Compagnia e del Comando di Gruppo».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.