• Mondo
  • lunedì 22 ottobre 2018

La Giordania non rinnoverà la concessione dei territori dati in affitto a Israele nel 1994

Il re di Giordania, Abdullah II, ha annunciato domenica che non rinnoverà due allegati del trattato di pace del 1994 tra Giordania e Israele in merito ad alcuni territori che il governo giordano diede in affitto a quello israeliano. I territori, conosciuti con il nome arabo al Baqura e al Ghamr (e il nome ebraico Naharayim e Zofar), furono dati in concessione a Israele per 25 anni, anche se di fatto erano già sotto il controllo israeliano dal 1948: la scadenza per il rinnovo della concessione è il 25 ottobre. Dopo avere ricevuto comunicazione ufficiale dal re giordano, il governo israeliano di Benjamin Netanyahu ha fatto sapere che proverà a negoziare un’estensione dell’affitto dei territori in questione, che ormai da molto tempo vengono coltivati da cittadini israeliani.

Re Abdullah II (KHALIL MAZRAAWI/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.