• Mondo
  • domenica 21 ottobre 2018

È morto a 80 anni Wim Kok, primo ministro olandese tra il 1994 e il 2002

È morto a 80 anni Wim Kok, primo ministro olandese tra il 1994 e il 2002, esponente del Partito del Lavoro dei Paesi Bassi che fu, secondo molti, un modello per quei leader socialdemocratici che tra la fine degli anni Novanta e l’inizio degli anni Duemila salirono al potere in diversi paesi europei, dal britannico Tony Blair al tedesco Gerhard Schroeder.

Kok è ricordato però anche in relazione al massacro di Srebrenica, che avvenne nel 1995 in Bosnia: il suo governo fu criticato per la gestione dei soldati olandesi dell’ONU di stanza a Srebrenica, che non impedirono il massacro. Per quello scandalo, Kok si dimise da primo ministro nel 2002. Nel 2014, la Corte dell’Aia giudicò l’allora governo olandese responsabile della morte di 300 musulmani bosniaci, sugli 8.000 che vennero uccisi a Srebrenica. Ricordandolo, l’attuale primo ministro olandese Mark Rutte ha detto: «Non è un segreto che la tragedia di Srebrenica lo ha afflitto fino alla fine».

(DIRK WAEM/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.