• cit
  • domenica 21 ottobre 2018

La nostra voglia di incazzarci

Una considerazione nel nuovo libro di Alessandro Baricco può valere per descriverne gli eccessi

(PAUL J. RICHARDS/AFP/Getty Images)

Nel suo ultimo libro dedicato alla storia dei cambiamenti digitali degli ultimi decenni e di come stiamo cambiando, Alessandro Baricco arriva a un certo punto a commentare le accuse degli ultimi anni verso alcune derive negative dei suddetti cambiamenti da parte non dei vecchi critici resistenti al nuovo, ma da alcuni sostenitori delle trasformazioni digitali. I quali accusano il “Game” – come Baricco chiama tutto il sistema del cambiamento – di essersi snaturato. Ma secondo Baricco c’è una contraddizione tra la forza delle proteste e la loro capacità di dimostrare dei fatti, è come se ci fosse «un bisogno di smarcarsi o di puntare i piedi che non dipende nemmeno più tanto dai fatti»: e sintetizza questo in un’espressione che può valere per molti – non per tutti – degli estesi movimenti di indignazione di questi tempi.

La vostra voglia di incazzarvi è molto maggiore degli argomenti che avete per farlo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.