In Trentino-Alto Adige potrebbe cambiare tutto

Si vota il 21 ottobre e per la prima volta i partiti autonomisti locali potrebbero essere sconfitti o costretti ad allearsi con la destra

(Foto da Flickr Alessio Maffeis)

Domenica 21 ottobre le province autonome di Trento e Bolzano voteranno per rinnovare i loro consigli provinciali e, nel caso di Trento, per scegliere il nuovo presidente della provincia. Secondo quanto mostrano sondaggi pubblici e ufficiosi, potrebbe essere un voto storico per gli equilibri politici che da decenni determinano cosa succede nella regione: a Trento i partiti autonomisti potrebbero per la prima volta finire all’opposizione, mentre a Bolzano rischiano di doversi alleare per la prima volta con il centrodestra, invece che con i tradizionali alleati di centrosinistra.

Ma saranno elezioni importanti non solo per il milione di persone che abitano nelle due province autonome. Il voto sarà infatti la prima vera prova elettorale per le forze politiche che sostengono il nuovo governo, Movimento 5 Stelle e Lega, la forza politica che potrebbe uscire vincitrice da entrambe le competizioni.

Le elezioni a Trento
La provincia autonoma di Trento è considerata una delle poche roccaforti del centrosinistra nel Nord Est. Dalla fine della Democrazia Cristiana, la provincia è governata da una coalizione formata da centrosinistra e partiti autonomisti. Alle precedenti elezioni regionali, nel 2013, Ugo Rossi, candidato dell’alleanza tra PD e autonomisti, raccolse più del 58 per cento dei voti.

Negli ultimi cinque anni però la situazione è peggiorata, soprattutto per il centrosinistra. Nel 2013 il PD aveva ottenuto da solo il 22 per cento dei voti, mentre alle politiche dello scorso 4 marzo si è dovuto accontentare del 14,6. Anche se non circolano molti sondaggi pubblici, sembra che le cose non miglioreranno. La coalizione che aveva stravinto nel 2013 si è divisa. Il PD, l’Unione per il Trentino e Futura 2018 appoggiano Giorgio Tonini (senatore eletto in Trentino con il PD) mentre il presidente uscente Rossi si candiderà da solo con il Partito autonomista trentino tirolese.

Al contrario del centrosinistra, che correrà diviso, il centrodestra si è riunito dopo le elezioni del 2013 e anche per questo è da molti considerato la coalizione favorita. Il loro candidato è Maurizio Fugatti, già candidato con la Lega nel 2013 e oggi sostenuto da Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Unione di Centro e da una serie di liste civiche. Alle politiche del 4 marzo la Lega ottenne il risultato migliore nella coalizione di centrodestra, raccogliendo il 19,19 per cento dei voti. Se il centrodestra dovesse riuscire a vincere, sarebbe la prima volta da decenni in cui i partiti autonomisti rimangono fuori dal governo della provincia.

Non ci si aspettano invece grandi risultati dal Movimento 5 Stelle che si presenta da solo con lo stesso candidato del 2013, Filippo Degasperi, che all’epoca raccolse il 6,6 per cento dei voti. Alle politiche dello scorso 4 marzo il Movimento è comunque andato molto meglio, ottenendo il 19,2 per cento dei voti.

Domenica 21 gli elettori della provincia di Trento potranno votare il candidato presidente della provincia che preferiscono e scegliere una delle liste a lui collegate. All’interno delle liste potranno scegliere tre preferenze. Le elezioni sono a turno unico, i seggi sono distribuiti con metodo proporzionale ed è previsto un premio di maggioranza alla lista o coalizione di liste che ottiene il maggior numero di voti (qui trovate tutti i dettagli).

Le elezioni a Bolzano
Nella provincia autonoma di Bolzano non è prevista l’elezione diretta del presidente della provincia, che viene scelto dopo le elezioni con un voto dal consiglio provinciale. Qui le elezioni sono particolari rispetto al resto del paese, perché i partiti autonomisti locali raccolgono insieme la stragrande maggioranza dei voti. Fino alle elezioni regionali del 2013 la maggioranza assoluta dei voti è sempre andata addirittura a un unico partito, la Südtiroler Volkspartei (SVP), da anni alleato con il centrosinistra.

La giunta uscente, guidata da Arno Kompatscher, è sostenuta anche dal PD, che fornì appoggio al SVP dopo che nel 2013 per la prima volta il partito autonomista fallì nel raggiungere da solo la maggioranza assoluta dei voti. Domenica 21, però, per la prima volta l’SVP potrebbe essere costretta a cambiare alleanze e stringere un patto con il centrodestra per avere i numeri necessari a governare.

Il sistema elettorale della provincia di Bolzano non prevede alleanze precedenti al voto, quindi tutti i partiti corrono da soli in un sistema sostanzialmente proporzionale: i grandi partiti italiani devono solitamente accontentarsi delle briciole lasciate dai partiti autonomisti. Nel 2013, per esempio, il PD raccolse il 6,7 per cento, Forza Italia (che nella provincia si chiama Forza Alto Adige) e Lega Nord ottennero appena il 2,5 per cento, così come il Movimento 5 Stelle.

Secondo i sondaggi realizzati quest’estate, Lega e Movimento 5 Stelle dovrebbero crescere superando entrambe il 5 per cento. La SVP dovrebbe calare ancora dal 45 per cento del 2013 a circa il 40 per cento mentre il PD dovrebbe scendere intorno ai 5 punti percentuali. In questo scenario, il PD riuscirebbe a eleggere un unico consigliere, troppo poco per garantire all’SVP una maggioranza. Se le cose andassero così, gli autonomisti dell’Alto Adige potrebbero essere costretti a ribaltare le loro alleanze e stringere un accordo con la Lega, che di consiglieri potrebbe eleggerne due. È stato lo stesso segretario della Lega, Matteo Salvini, a dire che questo è proprio il suo obiettivo.