• Mondo
  • lunedì 8 ottobre 2018

A Idlib i ribelli siriani hanno ritirato le armi pesanti dal fronte che li separa dalle forze governative, dice la Turchia

I ribelli siriani hanno ritirato tutte le armi pesanti dalla linea del fronte che nella provincia di Idlib, nel nord-ovest della Siria, li divide dalle forze alleate al regime siriano del presidente Bashar al Assad. La notizia è stata diffusa dall’agenzia di news turca Anadolu, che però non ha dato ulteriori dettagli sull’operazione: si sa comunque che la decisione di ritirare le armi pesanti è parte di un accordo raggiunto tra Russia (alleata di Assad) e Turchia (alleata di alcuni gruppi ribelli) per demilitarizzare una striscia di territorio lunga tra i 15 e i 20 chilometri.

L’ultima provincia siriana in mano ai ribelli

Sembra che anche i gruppi ribelli più radicali – come quelli legati ad al Qaida e ad altre organizzazioni jihadiste, cioè oggi i più forti a Idlib – abbiano accettato di ritirare le armi pesanti. Idlib è l’unica grande provincia siriana ancora sotto il controllo dei ribelli. Le forze alleate di Assad minacciano da tempo di lanciare una massiccia offensiva militare per riconquistarla, ma finora la mediazione di Turchia e Russia ha frenato l’operazione.

Idlib, 30 settembre 2018 (OMAR HAJ KADOUR/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.