In Romania è fallito il referendum per vietare i matrimoni gay

Il quorum era del 30 per cento ma ha partecipato solo il 20 per cento degli aventi diritto di voto

In Romania è fallito il referendum organizzato per modificare la Costituzione stabilendo che il matrimonio può avvenire solo tra un uomo e una donna: in questo modo sarebbero stati vietati – o sarebbe stata resa più difficile – la futura eventuale legalizzazione dei matrimoni gay. Il referendum, che si è tenuto sabato e domenica, è fallito perché non è stato raggiunto il quorum necessario del 30 per cento: è andato a votare solo il 20,4 per cento degli aventi diritto di voto. È un risultato inaspettato visto che venerdì secondo i sondaggi sulle intenzioni di voto, il 90 per cento degli intervistati si era detto a favore delle modifiche.

Il referendum era stato appoggiato dalla Chiesa ortodossa – in Romania i cristiani ortodossi sono oltre l’80 per cento della popolazione – e dalla Coalizione per la Famiglia, organizzazione che include più di 40 gruppi religiosi e conservatori. Aveva ricevuto anche grande sostegno da quasi tutte le forze politiche nazionali, a eccezione del partito Unione Salva Romania, nato nel 2015 per combattere la corruzione e formato sia da parlamentari progressisti che conservatori, e del presidente rumeno Klaus Iohannis, centrista e contrario agli estremismi religiosi.

Un seggio elettorale a Branistari, Romania, 7 ottobre 2018 (DANIEL MIHAILESCU/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.