• Moda
  • mercoledì 26 settembre 2018

Le foto della sfilata di Saint Laurent, sull’acqua

A Parigi, con la Tour Eiffel sullo sfondo: molto nero, pelle, trasparenze e i soliti abiti cortissimi

La modella Kaia Gerber, figlia di Cindy Crawford, sfila per Saint Laurent, Parigi, 25 settembre 2018 (FRANCOIS GUILLOT/AFP/Getty Images)

L’azienda di moda francese Saint Laurent ha presentato la collezione per la primavera/estate 2019 a Parigi, nella solita cornice scenografica: le modelle hanno sfilato di notte e a pelo d’acqua nella fontana del Trocadero, lungo una fila di finte palme elettriche e con la Tour Eiffel sullo sfondo. Il direttore creativo Anthony Vaccarello ha proposto 95 modelli che incarnano a pieno la sua estetica personale: pantaloncini e gonne cortissime, trasparenze, pelle, l’uso quasi esclusivo del nero con qualche tocco di oro, rosso e stampe animalier, l’esaltazione di una figura femminile estremamente magra, con fianchi stretti e spalle sottolineate.

La bellezza della collezione non è stata messa in discussione, ma alcuni esperti hanno criticato Vaccarello per proporre sempre la stessa formula e per rivolgerla a una donna irreale, al limite dell’anoressia, pronta a girare a gambe nude e seno scoperto nonostante il freddo. Altri ci hanno letto un messaggio di continuità con lo spirito rivoluzionario degli anni Sessanta e Settanta, e la celebrazione della libertà di vestirsi seguendo il proprio desiderio, senza limitarsi per la paura di essere infastidite o giudicate.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.