(Ethan Miller/Getty Images)
  • Sport
  • domenica 16 settembre 2018

Canelo Alvarez è il nuovo campione mondiale dei pesi medi

Nella notte ha battuto ai punti il kazako Gennady Golovkin in uno degli incontri più attesi dell'anno, ma ci sono polemiche anche questa volta

(Ethan Miller/Getty Images)

Il pugile messicano Canelo Alvarez è diventato il nuovo campione mondiale dei pesi medi dopo aver battuto ai punti il kazako e campione in carica Gennady Golovkin nell’incontro — uno dei più attesi e importanti dell’anno — disputato sabato notte a Las Vegas. Alvarez ha vinto grazie ai voti dei tre giudici, che gli hanno assegnato due 115-113 e un 114-114. L’incontro è stato uno dei più seguiti della stagione pugilistica, perché metteva di fronte due atleti fortissimi e all’apice della loro forma, che un anno fa terminarono il loro primo incontro in parità fra moltissime polemiche. Anche questa volta il verdetto dei giudici è stato molto criticato per dei presunti favoritismi ad Alvarez: Golovkin ha lasciato il ring senza rilasciare nessuna dichiarazione ad HBO, il broadcaster ufficiale dell’incontro.

 

Lo scorso maggio la prima rivincita fra i due fu annullata perché Alvarez risultò positivo al clenbuterolo, una sostanza vietata, in un controllo antidoping volontario. Alvarez si giustificò sostenendo di aver assunto la sostanza a sua insaputa perché presente in della carne contaminata, come effettivamente spesso capita agli atleti messicani, a cui l’agenzia antidoping mondiale sconsiglia di mangiare carne proveniente dagli allevamenti del loro paese. Non ci fu nessuna squalifica e negli ultimi test Alvarez è risultato sempre negativo.

La piccola vicenda non ha intaccato l’enorme popolarità di Alvarez in Messico, di cui al momento è l’atleta di punta. Ha 28 anni, è nato a Guadalajara ed è soprannominato Canelo (il suo nome è Saul) per via dei suoi capelli rossi. Il suo promoter è l’ex pugile messicano Oscar De La Hoya. Dei 53 incontri professionistici disputati in carriera, Alvarez ne ha vinti 50, ne ha pareggiati due e ne ha perso soltanto uno, nel 2013 contro l’americano Floyd Mayweather, il più forte peso medio nella storia recente della boxe.

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.