Soccorritori nella città di New Bern, North Carolina. (Chip Somodevilla/Getty Images)
  • Mondo
  • sabato 15 Settembre 2018

Le foto di Florence sugli Stati Uniti

Dopo aver raggiunto North e South Carolina da uragano è stato declassato a tempesta tropicale, ma potrebbe fare la maggior parte dei danni nei prossimi giorni

Soccorritori nella città di New Bern, North Carolina. (Chip Somodevilla/Getty Images)

Dopo aver toccato le coste della North Carolina venerdì, l’uragano Florence (ora classificato come tempesta tropicale) si sta spostando verso la zona occidentale della South Carolina, lasciandosi dietro allagamenti e devastazione. Almeno cinque persone sono morte per cause legate all’uragano, hanno detto le autorità, che hanno avvisato che il peggio potrebbe arrivare nei prossimi giorni man mano che Florence si sposterà nell’entroterra portandosi dietro una gran quantità di pioggia.

Quando ha raggiunto la terraferma, Florence aveva l’intensità di un uragano di categoria 1, ma nelle ore successive è stato declassato a tempesta tropicale. I venti, che inizialmente raggiungevano i 145 chilometri orari, sono scesi a circa 105. Ci si aspetta che si sposti in direzione sud ovest, prima di cambiare direzione e dirigersi verso nord.

Tra le persone morte per l’uragano ci sono una madre e suo figlio piccolo, schiacciati da un albero caduto sulla loro casa a Wilmington, North Carolina. Una donna è morta di attacco cardiaco alla periferia di Pender County, e altre due persone anziane sono morte a Lenoir County, una mentre collegava un cavo elettrico sotto la pioggia, l’altra mentre cercava i suoi cani ed è stata travolta dal vento. Oltre 750mila persone sono rimaste senza energia elettrica venerdì. Florence ha abbattuto decine di alberi: soltanto la polizia della South Carolina ha risposto a 100 segnalazioni. Ma ha anche danneggiato statue e allagato le strade di intere città lungo le coste della North e della South Carolina, riempiendole di tronchi e detriti.

L’area occupata da Florence sabato mattina alle 8, in giallo, e il percorso che si prevede farà nei prossimi giorni. (National Oceanic and Atmospheric Administration)

I soccorritori stanno impiegando ore a raggiungere chi è rimasto intrappolato in casa, nonostante le autorità avessero invitato oltre un milione di persone ad andarsene. In alcune zone costiere le operazioni di soccorso sono state sospese per il vento troppo forte, mentre in altre è stato necessario raggiungere in barca le case delle persone intrappolate.

Sono soprattutto le piogge previste per i prossimi giorni a preoccupare le autorità. In certe zone, che potrebbero far esondare i fiumi Cape Fear e Lumber con conseguenze devastanti come successe nel 2007 con l’uragano Matthew, che provocò relativamente pochi danni sulla costa ma ne fece moltissimi nelle piccole città dell’interno vicine ai fiumi. I potenziali danni sono stati stimati da alcuni esperti in 30-40 miliardi di dollari, che renderebbero Florence uno dei dieci uragani più devastanti della storia degli Stati Uniti.