• Mondo
  • venerdì 14 settembre 2018

Il Parlamento spagnolo ha votato a favore dello spostamento della tomba di Francisco Franco

Il Parlamento spagnolo ha votato a favore dell’esumazione dei resti del dittatore Francisco Franco e della loro rimozione dalla Valle de los Caídos (Valle dei caduti), un complesso monumentale a circa cinquanta chilometri da Madrid dove sono sepolte anche 34mila persone morte durante la Guerra civile spagnola e nella repressione portata avanti dal regime franchista. Non è ancora chiaro dove verrano spostati i resti di Franco.

Il provvedimento, presentato alla fine di agosto dal governo socialista di Pedro Sánchez, ha ottenuto 172 voti a favore. Due deputati hanno votato contro (ma hanno detto in seguito di averlo fatto per errore), mentre 164 deputati si sono astenuti. I popolari e i centristi di Ciudadanos, i due principali partiti di opposizione di centrodestra, si sono infatti rifiutati di prendere parte al voto, e il Partito popolare ha detto di voler presentare appello alla Corte costituzionale. Il primo ministro, dopo il voto, ha scritto su Twitter che la Spagna ha fatto «un passo storico verso la riparazione dei diritti delle vittime del franchismo» e che oggi «la nostra democrazia è migliore».

La Valle de los Caídos, a nord di Madrid, dove è sepolto il dittatore spagnolo Francisco Franco, il 3 luglio 2018 (OSCAR DEL POZO/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.