• Mondo
  • mercoledì 12 settembre 2018

YouTube ha chiuso quattro account collegati al regime del presidente siriano Bashar al Assad

YouTube, la più grande piattaforma di video in streaming al mondo, ha chiuso quattro account collegati – non è chiaro se ufficialmente o indirettamente – al regime siriano del presidente Bashar al Assad: sono PresidencyCy, un profilo che promuoveva Assad; un profilo legato al ministero della Difesa; quello dell’agenzia di stampa nazionale SANA e del suo canale televisivo. Non è chiaro perché YouTube li abbia rimossi, ma la decisione sembrerebbe collegata a un servizio trasmesso da TomoNews US, un canale gestito da uno studio di animazione taiwanese, che aveva avanzato l’ipotesi che gli account avessero generato dei ricavi pubblicitari, nonostante le sanzioni imposte dagli Stati Uniti al regime siriano. Nel 2011 l’ex presidente statunitense Barack Obama aveva proibito alle aziende americane di fare affari con il governo di Assad. YouTube ha ammesso che gli account generavano ricavi, ma ha sostenuto che andassero a parti terze perché i contenuti non erano originali. Non ha fornito ulteriori spiegazioni.

Bashar al Assad mentre guida a Damasco

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.