• Italia
  • domenica 9 settembre 2018

Giuseppe Conte ha confuso l’8 settembre con il 25 aprile?

Ha detto che l'8 settembre 1943 – quando entrò in vigore l'armistizio – iniziò «un periodo di ricostruzione prima morale e poi materiale del nostro paese», dimenticandosi di un paio di anni di storia

(ANSA/ANNAMARIA LOCONSOLE)

Ieri, sabato 8 settembre, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha tenuto un discorso di quasi un’ora all’inaugurazione dell’82ª edizione della Fiera del Levante di Bari. Conte ha parlato di economia, di infrastrutture e di Sud e ha dedicato un passaggio del suo discorso al «mondo delle imprese che crea occupazione e ricchezza per il Paese». Visto che era l’8 settembre – anniversario del giorno del 1943 in cui entrò in vigore l’armistizio firmato tra il Regno d’Italia e gli Alleati, durante la Seconda guerra mondiale – Conte ha provato a fare un parallelismo tra quello che accadde in Italia dopo la guerra e i giorni nostri. Ad alcuni il parallelismo è sembrato fuori luogo è c’è anche chi ha ipotizzato che Conte abbia confuso l’8 settembre 1943 con il 25 aprile 1945, giorno della Liberazione dal nazifascismo considerato il momento simbolo della fine della guerra in Italia.

Il passaggio dell’intervento di Conte di cui si sta discutendo è quello in cui Conte ha definito l’8 settembre del 1943 la «fine ad un periodo buio della nostra storia» e l’inizio di «un periodo di ricostruzione prima morale e poi materiale del nostro paese».

Oggi è l’8 settembre. Una data particolarmente simbolica della nostra storia patria, perché in quell’estate di 75 anni fa si pose fine ad un periodo buio della nostra storia, culminato con la partecipazione dell’Italia a una terribile guerra. Con l’8 settembre, inizia un periodo di ricostruzione prima morale e poi materiale del nostro paese. Un periodo che è stato chiamato, con la giusta enfasi, miracolo economico.

Non ci sono elementi chiari per stabilire se Conte si sia davvero confuso tra l’8 settembre del 1943 e il 25 aprile del 1945, ma è certo che nel suo discorso non ci siano riferimenti a tutto quello che successe in Italia tra l’entrata in vigore dell’armistizio e il giorno della Liberazione: la fuga del re e del governo a Brindisi, la nascita della Repubblica di Salò e ancora quasi due anni di guerra. Non sembra quindi corretto dire che l’8 settembre finì «un periodo buio» della storia italiana, anche se quello fu un momento di grande importanza e segnò l’inizio dell’ultima fase della guerra in Italia.

Conte ha proseguito il discorso dicendo che il suo governo «ha l’ambizione di ricreare nei cittadini la stessa fiducia verso il futuro che allora animava i nostri genitori», una fiducia «che è stata in grado di dare loro la forza di compiere le scelte fondamentali per il progresso dell’Italia e di superare anche momenti difficili che certamente non mancarono».

Mostra commenti ( )